anno 9 numero 1
gennaio-febbraio 2003

vai alla home page

Scheda di buona pratica clinica
in collaborazione con la ASL città di Milano
(pdf, 168 kB)


ESPERIENZA
DISCUSSIONE
Il dottore impara se lo motiva la pratica
Come ogni adulto immerso in un'occupazione che mette in moto azioni e processi logici reiterati per consuetudine, il medico apprende meglio nella ricerca, condivisa tra pari e magari a piccoli gruppi, di soluzioni a quesiti assistenziali rilevanti e a situazioni cliniche che ritrova nella realtà.

PATOLOGIA BENIGNA
DELLA MAMMELLA
Esplorare il seno a palmo a palmo
evita sorprese
La palpazione della mammella è un compito che il medico di famiglia non dovrebbe delegare al ginecologo: di fronte a una massa sospetta va raccolta l'anamnesi familiare e personale della donna e impostato un percorso diagnostico su cui, però, le opinioni non sono univoche.

IL PARERE
L'ultima parola spetta al patologo
Le tecniche di imaging consentono oggi di valutare la benignità di una massa mammaria con una buona affidabilità e di selezionare le donne da sottoporre al prelievo bioptico; questo però deve essere tempestivo nei casi sospetti o non chiari e sempre seguito da attento follow up.

TO TEST OR NOT TO TEST
Il cercatore di rame resta a mani vuote
Il risultato anomalo di un esame chiesto impropriamente oscura il quadro invece di illuminarlo, spostando l'attenzione dalle ipotesi diagnostiche formulate in precedenza: nel caso narrato si trattava di una cupremia prescritta per verificare il sospetto di un linfogranuloma maligno.

QUESITI & RISPOSTE
Inutile cercare il micoplasma

L'ERRORE
Strane dimenticanze ad alta gradazione
In un paziente anziano con deficit cognitivi occorre una diagnosi differenziale accurata: dagli eventi connessi al fisiologico processo di invecchiamento vanno distinti i segni di una forma degenerativa. Vanno poi indagate le cause del danno neurologico senza dare per scontato che siano legate all'età.

COUNSELLING
Non tutti i diverbi sono da evitare
Gli obiettivi che il paziente e il medico si prefiggono nel corso della consultazione non sempre coincidono, ma l'eventuale discrepanza può essere colmata in vista di uno scopo generalmente condiviso dai due attori della negoziazione, quello di non interrompere la relazione.

vai all'inizioPRESCRIVERE
COME CURARE
Salva la vescica riprende la vita
La diagnosi tempestiva lascia spazio ai trattamenti più conservativi e può assicurare la guarigione.

IN PRATICA
Il tallone dolente è questione ardua
Un dolore al piede può richiedere un percorso diagnostico articolato tra patologie locali e sistemiche.

NONSOLOFARMACI
Una scarica che salva la vita
Si discute anche in Italia sull'impiego dei defibrillatori in ambienti non sanitari.

vai all'inizioRUBRICHE
LETTURE SCELTE
Il libro 1:
Sofferenza, orfana della medicina
Il libro 2: 
Un'alleanza fondata sul verbo
Pressione ammansita col vecchio diuretico - Preservare l'estetica e insieme la vita.

DIRITTO E TORTO
Evitare inutili esposizioni alle radiazioni
Lo spirito della legge è proteggere i soggetti più deboli ed è per questo che ammette pochissime eccezioni.

IN ITALIA
Foto di gruppo in medicina generale
L'aggregazione in cooperativa rinforza la voce dei medici verso i cittadini, i colleghi specialisti e le Aziende sanitarie.

FATTA LA LEGGE
Il pendolo della giustizia
 

BUDGET
Per la Convenzione si tratta in sede regionale
Pareri a confronto sulle responsabilità economiche e normative della contrattazione per l'accordo dei medici di famiglia.


torna all'inizio torna all'inizio







vai alla home page

OCP