anno 8 numero 8
ottobre 2002

vai alla home page



Scheda di buona pratica clinica
in collaborazione con la ASL città di Milano
(pdf, 92 kB)



vai all'inizioESPERIENZA

DISCUSSIONE

Quando si saldano scienza ed esperienza

Il nuovo manuale per la medicina generale scritto con il contributo di diversi autori storici di Occhio Clinico, è un progetto ambizioso; non è un ennesimo trattato accademico e neanche un tentativo di ritagliare sulla realtà italiana precetti formulati sil modello anglosassone.

INFORMARE CON COSCIENZA

Lo stato dell'informatore scientifico del farmaco: una figura professionale da riqualificare rivedendo la normativa che regola l'attività, istituendo un ordine professionale con esame abilitante che tuteli e la categoria e la salute stessa del cittadino.
Simile posizione presa dall'Associazione Italiana Informatori Scientifici del Farmaco nella lettera del Presidente dell'associazione.


STANCHEZZA CRONICA
La diagnosi non ridà vigore ai defatigati

 


II° parere
: L'euristica rinuncia all'etichetta

La sindrome da stanchezza cronica ha trovato, nel corso del tempo, varie denominazioni, ma non ancora un'eziologia certa e una terapia appropriata; il paziente e il medico dovrebbero accordarsi su una visione comune del disturbo per accettarlo e cercare il modo di limitarlo.

In medicina generale, come in campo psicoterapeutico, funzionano male gli algoritmi, in cui il procedimento è definito passo dopo passo. Vale invece molto di più la strategia euristica nella quale ogni risultato possibile è il punto di partenza per nuovi itinerari.


VITA DI MEDICO
Sedotti con la ricerca e presto abbandonati
Il contributo, per lo più formale, della medicina generale a progetti di ricerca e campagna di prevenzione di ogni tipo è molto ambìto da società scientifiche, centri specialistici e, soprattutto, aziende farmaceutiche: del resto i medici di famiglia sono i più forniti procacciatori di pazienti.

L'ERRORE
Un'arterite temporale non perdona ritardi

Un errore di valutazione clinica non deve limitarsi a tenere desta l'attenzione in una circostanza analoga, ma deve offrire spunti di riflessione metodologica per un aumento complessivo della capacità diagnostica che si giova dell'esperienza e, a volte, della casualità e della fortuna.

vai all'inizioPRESCRIVERE

FARMARECENSIONE
Nuovo prontuario

La politica economica cui è improntato il prossimo prontuario.

SCHEDA PER IL MEDICO
Partire è un po' ammalarsi
Fuori dal controllo del proprio curante entra in crisi la sicurezza emotiva ma, a volte, anche la stabilità fisica.

SCHEDA PER IL PAZIENTE
Appello Emergency
(pdf, 43 kB)
WWW.EMERGENCY.IT

PAGELLA D'ESAME
Coagucheck
La terapia anticoagulante orale impone il controllo frequente dei parametri emocoagulativi Un apparecchio di autovalutazione sembra incontrare il gradimento dei pazienti e garantire buoni risultati terapeutici.

vai all'inizioRUBRICHE


LETTURE SCELTE


Cosa mettere nel conto dei FANS.
Non si scioglie il nodo del glaucoma.


LIBRI SCELTI

Alzheimer
Frontiere
Economia
Storia
Coprologia



Conoscere la demenza per arginarla.
Anche il rispetto è una medicina.
Le cure primarie sotto la lente.
Orbitava a Nord la vecchia medicina.
Le molte facce dell'alvo.


ANTICIPAZIONI
La durata come elemento diagnostico e terapeutico
Si riporta in queste pagine una parte del capitolo "Decidere in condizioni di incertezza", contenuto nel manuale Medicina generale.

BUDGET
Campagne subdole per intrappolare malati immaginari

Per un approfondimento della discussione

Grancasse che esortano a risolvere un certo disturbo o promuovono un esame. Quali interessi nascondono?

CALENDARIO  

ALTRI TEMPI
Milano e i suoi medici: conflitti senza epoca
Nei documenti di una fondazione ospedaliera ricorrono i temi del rapporto dei medici con i pazienti e con l'ente pagante.

DIRITTO E TORTO
Ricette a distanza solo a patto che raccontino il vero
E' lecito rilasciare prescrizioni senza visitare contestualmente il paziente, ma bisogna conoscerlo bene.

FOGLIO DI DIARIO
Privo di sensi a uno sguardo privo di affetti
"Ecco il mio segreto" ha scritto Antoine de Saint-Exupery nel Piccolo Principe. "E' molto semplice: non si vede che con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi". Si sgretola, così, il silenzio di un corpo ammutolito dalla malattia.


torna all'inizio torna all'inizio  






vai alla home page

OCP