Aggregatore notizie

Primo Piano - Giornata mondiale di lotta contro l’Aids 2017: il Telefono Verde ISS prolunga l’orario

Istituto Superiore di Sanità - Ma, 12/12/2017 - 22:37
ISS 30 novembre 2017

In occasione del World Aids Day 2017, che come ogni anno si svolge in tutto il mondo il 1 dicembre, Il Telefono Verde Aids e Infezioni Sessualmente Trasmesse (TV AIDS e IST) - 800861061 dell’Unità Operativa Ricerca psico-socio-comportamentale Comunicazione e Formazione dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) - normalmente attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 13.00 alle ore 18.00 - prolungherà l’orario dalle ore 10.00 alle ore 18.00.
Il Servizio, anonimo e gratuito, mette a disposizione degli utenti ricercatori e consulenti con diverse professionalità che rispondono anche in lingua inglese e via web al contatto Skype uniticontrolaids.
Venerdì 1 dicembre si potrà inoltre usufruire della consulenza di un esperto in materia legale (generalmente disponibile il lunedì e il giovedì, dalle ore 14.00 alle ore 18.00) che potrà aiutare coloro che contatteranno il TVAIDS e IST in merito ai molteplici aspetti normativi correlati a queste infezioni (tutela della privacy nella registrazione del codice di esenzione per patologia, accesso alle cure da parte degli stranieri).
Infine, tra le iniziative del Telefono Verde messe in campo per il World Aids Day, è prevista l’attivazione, in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari di Venezia, di un indirizzo di posta elettronica dedicato alle persone non udenti (al fine di permettere anche a questo target di ricevere informazioni scientificamente corrette e aggiornate sull’infezione da HIV e sulle altre IST) e l’avvio di un’indagine telefonica ad hoc rivolta alle donne che contatteranno il TVAIDS e IST. L’indagine - che sarà anonima e coinvolgerà le utenti che dopo aver usufruito del colloquio specialistico di counselling si dichiareranno disponibili - mira infatti ad conoscere gli aspetti comportamentali, la percezione del rischio e le fonti informative privilegiate dal target femminile oltre al TV AIDS e IST.
La giornata mondiale di lotta contro l’Aids è anche occasione per diffondere i risultati di un’indagine svolta dal Telefono Verde sulle caratteristiche e i comportamenti degli utenti di sesso maschile che hanno rapporti sessuali con altri uomini (Men Who have Sex with Men, MSM). I risultati della survey, che ha coinvolto 131 intervistati tra febbraio e aprile 2017, sono stati presentati al Ministero della Salute il 27 novembre scorso durante il lancio della campagna di comunicazione su AIDS e infezioni sessualmente trasmesse.
Per approfondire consulta:
• il sito Uniticontrolaids
• il Notiziario Iss Volume 30 - Numero 9 Supplemento 1 - 2017 con l’aggiornamento delle nuove diagnosi di infezione da Hiv e dei casi di Aids in italia al 31 dicembre 2016 a cura del Centro Operativo AIDS (COA) del’ISS
• le sezioni di EpiCentro dedicate a infezioni da Hiv/Aids e a infezioni sessualmente trasmesse
• la pagina di presentazione della campagna su Aids e malattie sessualmente trasmesse sul sito del Ministero della Salute
Categorie: Istituzioni

Primo Piano - La Convenzione di Oviedo compie vent’anni: un convegno alla Camera dei Deputati la celebra e la discute

Istituto Superiore di Sanità - Ma, 12/12/2017 - 22:37
ISS, 28 novembre 2017

Ricorre quest’anno il ventennale della firma della “Convenzione su diritti dell’uomo e la biomedicina” del Consiglio d’Europa, nota anche come Convenzione di Oviedo, uno dei più autorevoli documenti di riferimento per la bioetica. Il ventennale sarà ricordato il 18 dicembre 2017 con un convegno che si terrà presso l’Aula dei Gruppi Parlamentari della Camera dei Deputati. Il convegno è organizzato dall’ Unità di Bioetica dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), in collaborazione con il Centro Nazionale Sangue (CNS) e con il Centro Nazionale Trapianti (CNT), con il patrocinio del Ministero della Salute.

Tema centrale del convegno l’articolo 21 della Convenzione, che stabilisce il divieto di trarre profitto dal corpo umano e dalle sue parti. Il convegno riguarderà, in particolare, la donazione di materiale biologico umano a scopo terapeutico. L’articolo Divieto di profitto è particolarmente suscettibile a interpretazioni contrastanti. Le possibili divergenze non derivano da mancanza di chiarezza nel testo, che è inequivocabile, bensì da due ordini di fattori. Il primo ordine consiste nelle differenze tra cellule, sangue, tessuti e organi umani. Il secondo deriva dal fatto che le procedure per la donazione, il prelievo, l’eventuale lavorazione, la conservazione, l’utilizzo di materiale biologico umano comportano costi spesso ingenti, ed occorre evitare che i legittimi rimborsi, e i relativi flussi di denaro, sconfinino nel profitto, o addirittura nel commercio. Per l’intervento di apertura è stato invitato il Ministro Onorevole Beatrice Lorenzin. Introdurrà poi il convegno il Presidente dell’ISS Prof. Walter Ricciardi. A seguire, l’Onorevole Paola Binetti presenterà una sintesi del dibattito parlamentare sulla cultura del dono nella XVII legislatura e il responsabile dell’Unità di Bioetica dell’ISS Dott. Carlo Petrini esplorerà il significato e le articolazioni dell’articolo 21 della Convenzione. Una prima sessione sarà dedicata al concetto di Dono e profili di governance, con il Direttore del CNT Dott. Alessandro Nanni Costa, il Direttore del CNS Dott. Giancarlo Maria Liumbruno, e la Prof.sa Assuntina Morresi, Presidente Corso di Studio Magistrale in Biotecnologie Molecolari e Industriali dell’Università di Perugia. La seconda sessione sarà dedicata ai Profili giuridici ed etici della donazione. Interverranno il Presidente Vicario del Comitato Nazionale per la Bioetica, Prof. Lorenzo D’Avack, il Presidente Associazione Scienza & Vita Prof. Alberto Gambino ed il Cancelliere della Pontificia Accademia per la Vita, Mons. Renzo Pegoraro. Aprirà il dibattito una Tavola rotonda a cui partecipano le principali associazioni di donatori italiani, e in particolare Flavia Petrin, Presidente dell’Associazione Italiana per la Donazione di Organi,Tessuti e Cellule (AIDO), Alice Simonetti del Coordinamento Interassociativo Volontari Italiani Sangue (CIVIS), Giuseppe Vanacore, Presidente dell’Associazione Nazionale Emodializzati Dialisi e trapianto (ANED).
Categorie: Istituzioni

Primo Piano - L'ISS sostiene la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Istituto Superiore di Sanità - Ma, 12/12/2017 - 22:37
E’ un muro di bambole il simbolo della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne che ricorre domani 25 novembre. Anche l’Istituto Superiore di Sanità, che di recente ha pubblicato i risultati del progetto REVAMP con i dati dei Pronto Soccorso che rilevano che una donna su tre è aggredita dal partner, sostiene la Giornata con l’iniziativa delle bambole e con un workshop che si terrà il 28 novembre all’ISS.
Categorie: Istituzioni

Primo Piano - In aumento le diagnosi di demenza nel mondo: il punto in un convegno all'ISS

Istituto Superiore di Sanità - Ma, 12/12/2017 - 22:37
ISS 23 novembre 2017

Al 2015 sono state rilevate 46milioni di persone con una diagnosi di demenza in tutto il mondo, al 2050 questo numero è destinato a salire a 131,5milioni. Queste le stime secondo il World Alzheimer Report 2015: The Global Impact of Dementia. Con risvolti diversi questo tema ha un impatto globale su tutto il Pianeta. E questo, con particolare riguardo alla situazione italiana, è il tema del Convegno Il Contributo dei Centri per i disturbi cognitivi e le Demenze nella gestione integrata dei pazienti.
Si tratta di un appuntamento per tutti gli operatori dei servizi socio-sanitari dedicati alla demenza in Italia. L'evento è rivolto a ricercatori, al personale del Servizio Sanitario Nazionale o di altre strutture socio sanitarie interessate all’assistenza e alla gestione dei pazienti.
Queste le principali azioni svolte dall’ISS sul tema delle demenze, in ambito nazionale e internazionale:

a cura di Nicola Vanacore ricercatore del Centro Nazionale di Prevenzione e Promozione della Salute dell’ISS:

• continua la partecipazione attiva dell’Italia alle maggiori iniziative internazionali del WHO, quali l’approvazione finale del Global Dementia Action Plan, avvenuta a maggio scorso, e il consolidamento della fase pilota di costruzione e test del Global Dementia Observatory (GDO), il cui lancio ufficiale è previsto per il prossimo dicembre a Ginevra. L’ISS ha collaborato con il Ministero della Salute alla fase pilota del GDO;

• viene garantita nel quadro delle attività della Commissione Europea la partecipazione ai lavori del Gruppo Europeo dei Governmental Experts on Dementia e alle iniziative delle presidenze di turno del Consiglio europeo. A maggio, nel corso della riunione promossa dal governo maltese durante il suo semestre di presidenza europea, è stato presentato un approfondimento delle attività connesse all’implementazione del Piano Nazionale Italiano delle Demenze nel cui contesto è stato presentato l’Osservatorio Demenze, consultabile sul sito dell’ISS;

• rimane significativa la partecipazione dell’Italia alla Joint Action (JA) europea Act on Dementia, ai tre work packages (WP) relativi a Crisis and care coordination, di cui è anche co-coordinatrice, Diagnosis and post-diagnostic support e Dementia friendly communities. I lavori nella JA sono ora focalizzati sull’individuazione delle best practice che dovranno essere implementate nei diversi paesi europei. Per l’Italia si è deciso di sperimentare nell’AUSL di Modena quelle individuate in tutti i WPs a cui prendiamo parte.

L’ISS coordina insieme agli olandesi il WP Crisis and care coordination, e partecipa al WP Diagnosis and post-diagnostic support

• l’attività di maggiore rilievo a livello nazionale si riferisce al completamento e alla recente approvazione in Conferenza Unificata dei due documenti tecnici di approfondimento relativi alle Linee di indirizzo per i Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali (PDTA) per le demenze e alle Linee di indirizzo per l’uso dei Sistemi Informativi per caratterizzare il fenomeno delle demenze, che rappresentano il primo importante risultato del lavoro congiunto di Istituzioni e Associazioni svolto all’interno del Tavolo di monitoraggio del PND. L’ISS è presente al Tavolo ed ha contributo alla stesura dei due documenti. Questi due documenti, una volta implementati a livello regionale, potranno contribuire a modificare sostanzialmente la qualità dell’assistenza ai pazienti con demenze e ai loro familiari.

• dal 22 al 26 gennaio 2018 sarà organizzato in ISS il primo Corso sui PERCORSI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI ASSISTENZIALI PER LE DEMENZE(in allegato il programma).
Categorie: Istituzioni

Comunicati stampa - COMUNICATO STAMPA N°53/2017- Demenze, aggiornata la mappa online dell’Istituto Superiore di Sanità, Al Sud il numero più basso di strutture

Istituto Superiore di Sanità - Ma, 12/12/2017 - 22:37
Domani all’Iss il convegno: Il contributo dei Centri per i disturbi cognitivi e le Demenze nella gestione integrata

Roma, 22/11/2017

Sono 729 le Strutture Residenziali (SR) pubbliche o convenzionate deputate alla cura e all’assistenza delle demenze censite oggi sul territorio italiano. I dati sono aggiornati al 15 settembre 2017 e tuttora in corso di aggiornamento. Questo il dato globale consultabile sul sito dell’ Osservatorio Demenze e che sarà illustrato domani e dopodomani all’Istituto Superiore di Sanità nel corso dell’XI Convegno Il Contributo dei Centri per i disturbi cognitivi e le Demenze nella gestione integrata dei pazienti.
In base ai dati della mappa online, che ha l’obiettivo di identificare le 2052 strutture presenti sul territori e che è il frutto di un progetto finanziato dal Centro di Prevenzione e Controllo delle malattie del Ministero della Salute e affidato all’Istituto nell’ambito del Piano Nazionale Demenze, resta ampia la forbice tra Nord e Sud nell’offerta dei servizi.
Al Nord sono presenti il 51% delle strutture segnalate, al centro il 35% e al Sud e Isole il 14%. L’analisi delle caratteristiche delle SR rispondenti indica che il 48% sono private convenzionate/a contratto; il 49% delle SR ha nuclei dedicati alle demenze mentre nel 44% dei casi le persone con demenza usufruiscono di posti letto in stanze con persone affette da altre patologie.

In Italia si stima circa un milione di persone colpite da demenza e tre milioni di familiari che vivono con loro - afferma Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità - L’aumento dell’età media non ci permette di sottovalutare questa che è una sfida per la sanità del futuro sulla quale si giocano anche temi economici, sociali e di grande rilevanza etica. Uno strumento questo che è senz’altro una bussola per orientarci a comprendere la direzione in cui può viaggiare un sistema di cure e assistenza sostenibili

Oggi, grazie alla collaborazione con le Regioni - afferma Nicola Vanacore, ricercatore del Centro Nazionale Prevenzione e Promozione della Salute dell’ ISS e responsabile del progetto - possiamo finalmente disporre in Italia di uno strumento, quale la mappa online (nata per identificare le strutture), che se utilizzato in tutte le sue potenzialità, può consentire di migliorare sia la programmazione dei servizi dedicati alle demenze sia la qualità dell’assistenza ai pazienti e i familiari, perseguendo un tema cruciale per il sistema socio-sanitario pubblico quale quello dell’appropriatezza.

Al 2015 sono state rilevate 46 milioni di persone con una diagnosi di demenza in tutto il mondo, al 2050 questo numero è destinato a salire a 131,5milioni. Queste le stime secondo il World Alzheimer Report 2015: The Global Impact of Dementia. Il maggior incremento è previsto nei paesi in via di sviluppo dove mancano risorse economiche e strumenti per poter sostenere da un punto di vista diagnostico e terapeutico tali patologie.
Le demenze rappresentano una priorità di sanità pubblica. L’Organizzazione Mondiale della Sanità a maggio 2017 ha presentato il Piano Mondiale delle Demenze. Dal 2014 l’Italia si è dotata del Piano Nazionale Demenze (PND) che ha ridenominato le Unità di Valutazione Alzheimer (UVA) come Centri per Disturbi Cognitivi e Demenze (CDCD) ed ha sottolineato la necessità di organizzarli insieme agli altri Servizi sanitari e socio-sanitari, nella logica della gestione integrata e della costruzione di percorsi assistenziali dedicati.
Al tema delle demenze e all’impegno dell’ISS in questo ambito è dedicato un Primo Piano
Categorie: Istituzioni

Comunicati stampa - Comunicato Stampa N°51/2017 Comitato Etico ISS, Carlo Petrini il nuovo Presidente

Istituto Superiore di Sanità - Ma, 12/12/2017 - 22:37
ISS, 20 novembre 2017

Si è insediato oggi, 20 novembre 2017, il nuovo Comitato Etico dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS). I lavori sono stati introdotti dal Presidente dell’ISS Prof. Walter Ricciardi, che ha descritto i compiti del Comitato, sottolineando l’importanza del suo ruolo, e ha formulato auguri di buon lavoro a ciascuno dei componenti. Il Comitato ha eletto Presidente Carlo Petrini, Responsabile dell’Unità di Bioetica dell’ISS.

Il nuovo Presidente ha vivamente ringraziato per la fiducia accordata, esprimendo particolare gratitudine a Dino Amadori per la competenza e l’eccellente professionalità con cui a lungo ha presieduto il Comitato.

Dopo le procedure previste per l’insediamento, il Comitato ha iniziato immediatamente l’attività, valutando progetti di ricerca provenienti da varie strutture dell’ISS, tra cui il Centro Nazionale Trapianti, il Centro Nazionale Sangue e vari Dipartimenti.

L’istituzione del Comitato Etico dell’ISS fu stabilita con decreto del Ministro della Sanità il 24 febbraio 1999. Lo statuto dell’ISS attualmente vigente (decreto del Ministro della Salute 24 ottobre 2014) attribuisce al Comitato Etico il ruolo di organismo guida e di valutazione sotto il profilo etico per le ricerche e per le sperimentazioni, in conformità con la normativa vigente. Carlo Petrini, nato a Torino, dirige l’Unità di Bioetica dell’ISS. È componente del Comitato Nazionale per la Bioetica in rappresentanza dell’ISS, membro corrispondente della Pontificia Accademia per la Vita, membro di comitati etici di istituzioni nazionali e internazionali, autore di alcune centinaia di pubblicazioni scientifiche riguardanti temi di bioetica, una larga parte delle quali in riviste indicizzate di livello internazionale.
Categorie: Istituzioni

Primo Piano - Giornata degli Antibiotici 2017, in Italia nuove resistenze si aggiungono a quelle già presenti, ma dimezzata resistenza alla penicillina in Streptococcus pneumoniae grazie alla vaccinazione antipneumococcica

Istituto Superiore di Sanità - Ma, 12/12/2017 - 22:37
ISS 17 novembre 2017

In Italia, secondo i dati della sorveglianza AR-ISS coordinata da ISS, per la maggior parte dei microrganismi sotto sorveglianza la situazione appare stabile, con un alto numero di infezioni causate da microrganismi multiresistenti, ma nuove resistenze riemergono.
La percentuale di MRSA (Staphylococcus aureus resistente alla meticillina) oscilla da anni (da quando è iniziata la sorveglianza alla fine degli anni 90’) intorno al 33-34%, pur con ampie variazioni da laboratorio a laboratorio. Ma nel corso del tempo sono comparsi e si sono aggiunti altri microrganismi multiresistenti, quali i ceppi di Enterobatteri resistenti ai carbapenemi (CPE). Tra questi, nel nostro paese è diffusa soprattutto Klebsiella pneumoniae che è resistente a quasi tutti gli antibiotici disponibili, e che, secondo il recente Report della Sorveglianza Nazionale delle batteriemie da CPE, provoca almeno 2000 casi di batteriemia per anno (leggi report). Anche Escherichia coli ha raggiunto da alcuni anni e mantiene le stesse alte percentuali di resistenza alle cefalosporine di terza generazione (30%) e ai fluorochinoloni (43%).

Una buona notizia dal fronte della sorveglianza è il dimezzamento della resistenza alla penicillina in Streptococcus pneumoniae, un microrganismo causa di polmoniti e sepsi che insorgono in pazienti che non sono ospedalizzati. Questo successo però non è da ascriversi ad un migliore utilizzo di antibiotici sul territorio, quanto all’implementazione della vaccinazione antipneumococcica, soprattutto a livello pediatrico, che ha portato alla riduzione od eliminazione di sierotipi di pneumococco resistenti alla penicillina.

Rimangono sempre problematici altri microrganismi multiresistenti, quali Pseudomonas aeruginosa ed Acinetobacter spp che provocano infezioni soprattutto in pazienti critici quali quelli ricoverati nei reparti di terapia Intensiva. Questi microrganismi, già intrinsecamente resistenti a molti antibiotici, sono spesso resistenti anche ad antibiotici essenziali per la terapia.
A questi microrganismi multiresistenti si sono aggiunti negli ultimi 2-3 anni gli Enterococchi resistenti alla vancomicina o VRE. I VRE hanno rappresentato un grosso problema clinico negli anni 90 e all’inizio del 2000, ma successivamente il problema è apparso sotto controllo. Oggi i VRE, rappresentati in Italia soprattutto da Enterococcus faecium, tornano ad essere una minaccia. Basti pensare che fino al 2013 la percentuale di E. faecium resistente alla vancomicina nelle batteriemie era il 5%. Questa percentuale nel 2016 è schizzata al 13%.
Sul fronte Europeo la resistenza non dà segni di declino, come evidenziato dal recente Report EARS-Net 2016 (leggi report) malgrado le iniziative politiche ed istituzionali si moltiplichino.

Per approfondire consulta Epicentro
Categorie: Istituzioni

Primo Piano - L’Iss apre alle collaborazioni con le migliori strutture di ricerca e assistenza in sanità pubblica del Paese per individuare percorsi di eccellenza

Istituto Superiore di Sanità - Ma, 12/12/2017 - 22:37
Iss, 16 novembre 2017

L’Istituto Superiore di Sanità ha emanato un bando per coinvolgere le strutture con le migliori esperienze in tema sanitario al fine di realizzare il miglioramento dei percorsi clinici e assistenziali nel nostro Paese.
Il bando mira a costruire un elenco di Enti e Amministrazioni che operano nel settore della ricerca e dell’assistenza, tra cui anche Università e Fondazioni senza scopo di lucro.
Con quest’azione l’Istituto intende valorizzare il patrimonio di esperienza acquisito sul territorio nazionale per garantire equità e accesso nelle cure attraverso la costruzione di indicatori e di strumenti in grado di elevare la performance del sistema sanitario garantendo qualità e sostenibilità.
Tra gli ambiti di applicazione per cui è richiesta la collaborazione: le valutazioni sull’innovazione sanitaria e la gestione del rischio clinico.
Le strutture che faranno parte dell’elenco selezionato attraverso un’apposita Commissione nominata dall’Istituto stesso, saranno idonee a collaborare su specifici progetti con il Centro per l’Health Technology Assessment e il Centro Nazionale per l’Eccellenza Clinica, la Qualità e la Sicurezza delle Cure, istituiti recentemente proprio a questo fine.
La partecipazione alla manifestazione di interesse può essere espressa entro e non oltre il prossimo 7 dicembre scrivendo, mediante Posta Elettronica Certificata a finanziamenti.ricerca@pec.iss.it Si riportano di seguito le interviste rilasciate dal Presidente Walter Ricciardi e dal Direttore Generale Angelo Del Favero sulla rivista online Quotidiano Sanità.
Categorie: Istituzioni

Comunicati stampa - COMUNICATO STAMPA N°50/2017 - Dichiarazione del Presidente Walter Ricciardi su nomina Executive Board dell’OMS

Istituto Superiore di Sanità - Ma, 12/12/2017 - 22:37
ISS 16 Novembre 2017

Il Presidente dell’ISS Walter Ricciardi esprime il suo ringraziamento al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin per la prestigiosa nomina nell’Executive Board dell’OMS. E’ un onore - dice Ricciardi - ma anche una responsabilità nei confronti della quale profonderò il massimo impegno. Spero con il mio contributo di consolidare sempre più il ruolo internazionale dell’Italia per la salute globale
Categorie: Istituzioni

Comunicati stampa - Comunicato N°49/2017- l’Istituto Superiore di Sanità apre alle collaborazioni con le migliori strutture di ricerca e assistenza in sanità pubblica del Paese per individuare percorsi di eccellenza

Istituto Superiore di Sanità - Ma, 12/12/2017 - 22:37
ISS 15 Novembre 2017

L’Istituto Superiore di Sanità ha emanato un bando per coinvolgere le strutture con le migliori esperienze in tema sanitario al fine di realizzare il miglioramento dei percorsi clinici e assistenziali nel nostro Paese.
Il bando mira a costruire un elenco di Enti e Amministrazioni che operano nel settore della ricerca e dell’assistenza, tra cui anche Università e Fondazioni senza scopo di lucro.
Con quest’azione l’Istituto intende valorizzare il patrimonio di esperienza acquisito sul territorio nazionale per garantire equità e accesso nelle cure attraverso la costruzione di indicatori e di strumenti in grado di elevare la performance del sistema sanitario garantendo qualità e sostenibilità.
Tra gli ambiti di applicazione per cui è richiesta la collaborazione: le valutazioni sull’innovazione sanitaria e la gestione del rischio clinico.
Le strutture che faranno parte dell’elenco selezionato attraverso un’apposita Commissione nominata dall’Istituto stesso, saranno idonee a collaborare su specifici progetti con il Centro per l’Health Technology Assessment e il Centro Nazionale per l’Eccellenza Clinica, la Qualità e la Sicurezza delle Cure, istituiti recentemente proprio a questo fine.
La partecipazione alla manifestazione di interesse può essere espressa entro e non oltre il prossimo 7 dicembre scrivendo, mediante Posta Elettronica Certificata a finanziamenti.ricerca@pec.iss.it Si riportano di seguito le interviste rilasciate dal Presidente Walter Ricciardi e dal Direttore Generale Angelo Del Favero sulla rivista online Quotidiano Sanità.
Categorie: Istituzioni

Joke Christmas medical journal papers make unfunny bad science

New Scientist - Ma, 12/12/2017 - 00:30
Respected medical journal the BMJ has a long history of publishing silly papers at Christmas, but the joke is wearing thin - and actually harming science

Trump directs NASA to send astronauts to the moon and then Mars

New Scientist - Lu, 11/12/2017 - 22:47
The US space programme has a new focus on an old destination. President Trump has directed NASA to focus its efforts on crewed missions to the moon before Mars

We may know why younger brothers are more likely to be gay

New Scientist - Lu, 11/12/2017 - 21:00
An immune response in some pregnant women’s bodies may explain the “fraternal birth order effect” – that men are more likely to be gay the more older brothers they have

Bumblebees solve the travelling salesman problem on the fly

New Scientist - Lu, 11/12/2017 - 20:09
While buzzing between flowers, bees can solve the maths dilemma called the travelling salesman problem by finding the shortest route that visits every blossom

FDA approves Admelog, the first short-acting "follow-on" insulin product to treat diabetes

Food and Drug Administration - Lu, 11/12/2017 - 19:07
The FDA today approved Admelog (insulin lispro injection), a short-acting insulin indicated to improve control in blood sugar levels in adults and pediatric patients 3 years and older with type 1 diabetes mellitus and adults with type 2 diabetes mellitus. Admelog is the first short-acting insulin approved as a “follow-on” product.
Categorie: Istituzioni

Ancient microbes caused Earth’s first ever global warming

New Scientist - Lu, 11/12/2017 - 17:00
Over 3 billion years ago, the sun was faint so our planet should have been a snowball. But it wasn’t – and microorganisms may have been what kept it warm

Fasting may boost brainpower by giving neurons more energy

New Scientist - Lu, 11/12/2017 - 15:49
Some people who fast regularly, like those following the 5:2 diet, feel mentally sharper. Now evidence in mice may explain how fasting boosts brainpower

FDA launches public education campaign to encourage adult smokers trying to quit cigarettes

Food and Drug Administration - Lu, 11/12/2017 - 15:14
Today, the U.S. Food and Drug Administration announced an adult smoking cessation education campaign aimed at encouraging cigarette smokers to quit through messages of support that underscore the health benefits of quitting. These messages will be displayed in and around gas stations and convenience stores – retail locations where smokers face a multitude of triggers and that typically feature cigarette advertisements. The “Every Try Counts” campaign targets smokers ages 25-54 who have attempted to quit smoking in the last year but were unsuccessful. The two-year campaign launches next month in 35 U.S. markets and features print, digital, radio, and out-of-home ads, such as on billboards.
Categorie: Istituzioni

Faltering carbon capture needs more investment not doubt

New Scientist - Lu, 11/12/2017 - 12:00
The world's first full-scale power plant carbon capture project has stumbled, but we can't let that risk the future of a technology we need, says Olive Heffernan

‘Scary’ spider photos on Facebook are revealing new species

New Scientist - Lu, 11/12/2017 - 10:00
When people see a big spider they often post a photo on Facebook – and those images have now revealed up to 30 new species
Condividi contenuti